Affinità vulcaniche: Vesuvio incontra Etna all’insegna del vino

Ripartire dall'enoturismo con il "gemellaggio" fra i due vulcani più famosi d'Italia. Cantine Sorrentino lancia l'evento di luglio alle pendici del Vesuvio

0
236
Etna. Veduta della vigna di Cantine Nicosia (prima azienda ospite il 16 luglio)

Luglio entra nel vivo ed con esso riparte anche il mondo del vino. Dalle pendici del Vesuvio arriva un bel tris di serate legate ai vini vulcanici ed alle loro affinità, dalla Campania alla Sicilia. La cantina Sorrentino, alle falde del gigante dormiente che domina lo skyline dell’intero Golfo di Napoli, ospiterà dal 16 al 30 luglio tre eventi di degustazione abbinando prodotti tipici vesuviani con vini di aziende provenienti dalla zona etnea, fra le province di Messina e Catania.

Sarà un ciclo di incontri di avanscoperta dei vini vulcanici più famosi d’Italia. “Ai piedi del Vesuvio, nella nostra cantina ospiteremo amici, produttori che condividono con noi la stessa passione e tenacia di fare vino su suoli vulcanici. Ascolteremo le loro storie e confronteremo i nostri vini con i loro” è quanto affermato dallo staff dell’azienda vitivinicola Sorrentino, dalla Campania, nota per le sue produzioni enologiche in versione bio – da noi già raccontate in occasione della serata Slow Food dedicata al rosato dello scorso ottobre a Vico Equense, con ospiti due membri della famiglia Sorrentino.
Una sfida vulcanica a colpi di sorsi, partendo dall’Etna con ospiti le cantine Nicosia (16 luglio) e Planeta (23 luglio) alle ore 19.00 ; per poi dedicare ai Campi Flegrei l’ultimo giovedì del mese la serata del 30 luglio. La cantina Sorrentino sarà per l’occasione un vero laboratorio di degustazione di vini, tenuta dai sommelier dell’Ais Comuni Vesuviani. Le aziende coinvolte sono tutte appartenenti all’Associazione Nazionale Movimento Turismo del Vino, che annovera circa 1000 fra le più prestigiose cantine d’Italia e che fa dell’enoturismo uno dei motivi portanti della ripartenza dell’economia italiana.

La vera notizia è appunto questa, ovvero la ripartenza del settore puntando tutto sull’enoturismo quale turismo slow, responsabile e sostenibile. Soprattutto oggi che le regole dello stare insieme sono cambiate, imponendo il distanziamento, che saranno naturalmente rispettate a tutela della sicurezza di tutti anche nei tre eventi in programma alle pendici del Vesuvio.

Un’ottima notizia insomma, dal comparto vitivinicolo, che al Sud annovera realtà d’eccellenza accomunate spesso dal terroir, quello vulcanico in tal caso, ma anche dai modi di produrre vino e di coltivare la vite, dalla filosofia legata al biologico alle altre note che contraddistinguono i vini vesuviani, etnei e flegrei. Campania e Sicilia più vicine, per un evento che speriamo vivamente di poter raccontare dal vivo anche noi… magari assaggiando alcuni dei vini proposti dal ricco menù targato Sorrentino.

Tutte le info con aggiornamenti e notizie sulle cantine ospiti sono reperibili dalla pagina legata all’evento, anche tramite la pagina Facebook evento di Cantina Sorrentino.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

cinque + 12 =