“TALENTUM – IL PREMIO DELLE ECCELLENZE”, a Napoli si riparte dal bello

Per la cerimonia di premiazione si ricrea una corte rinascimentale a San Domenico Maggiore: quaranta figuranti e dei musicisti, tutti in abiti d’epoca accolgono nelle stanze del convento di San Domenico Maggiore i premiati e gli ospiti.

0
74

Quinta edizione per  Talentum – Il premio delle eccellenze ideato dalla giornalista Roberta D’Agostino e dall’attore e regista Gianni Sallustro che si terrà nella sala del capitolo di San Domenico Maggiore l’8 ottobre alle 16.00.
L’evento è realizzato dalla Talentum Production di Marcello Radano in collaborazione con l’ Accademia vesuviana del teatro e del cinema di Gianni Sallustro.

“Ripartiamo dal bello, dalle eccellenze del nostro territorio, da tutte quelle persone che per il loro operato si sono distinte – dicono gli organizzatori Sallustro e D’agostino -. Dopo un anno in cui ci siamo dovuti fermare per la pandemia torniamo ancora più determinati a volere premiare artisti, giornalisti, medici che rappresentano l’eccellenza, quelle persone con una marcia in più. Focus, come sempre, anche sui giovani che con la loro determinazione riescono a farci respirare bellezza. Il talento era anche una antica moneta e ci siamo rifatti proprio a quella per fare realizzare all’artista campano Fiormario Cilvini il nostro premio”.

Il premio fin dalla sua prima edizione vanta il patrocinio del Comune di Napoli ed in particolare dell’assessorato alla cultura.

Per la cerimonia di premiazione si ricrea una corte rinascimentale e la location di San Domenico Maggiore, scrigno di storia e di bellezza, si presta molto bene al viaggio nella storia: quaranta figuranti  (componenti dell’Accademia Vesuviana del Teatro e del Cinema) e dei musicisti, tutti in abiti d’epoca (costumi di Costantino Lombardi ed acconciature di Luca Riccardi) accolgono nelle stanze del convento di San Domenico Maggiore i premiati e gli ospiti.

Di particolare suggestione il percorso di accoglienza degli ospiti che si snoda dal chiostro di San Domenico, passando per i corridoi per giungere nella sala capitolare; durante questo itinerario i colori sgargianti degli abiti d’epoca e le musiche rinascimentali accompagnano il pubblico rimandando alle atmosfere particolari tipiche della corte napoletana e non solo.

La grafica del premio è ideata dell’architetto Marcello Radano.

Media partners: Mydreams il portale dello spettacolo, Cultura a colori, il Monito.

Le interviste sono curate da Lucia La Marca alias La ragazza col turbante.

Partner: Le zirre

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

tre × 1 =