Qatar 2022. Il Mondiale di Rosalba Veniero fra musica, lavoro e passione calcistica

Sette domande al giovane talento della penisola sorrentina oggi a bordo di Msc World Europe. Anni di canto e musical alle spalle, l'esperienza attuale in Qatar come svolta professionale. Preferenza dichiarata per Brasile ed Inghilterra

0
267
Rosalba Veniero a Doha - Qatar

Mentre scriviamo e realizziamo questa intervista si stanno giocando i quarti di finale della Coppa del Mondo 2022 in Qatar. La competizione entra nel vivo, con scenari di festa e di continua euforia verso le squadre che sono ancora lì ed ambiscono al titolo finale.

Proprio dalla penisola arabica, fra mare, deserto, infrastrutture d’avanguardia e grattacieli di lussuosissimi alberghi, ci arriva la testimonianza diretta di un giovane talento della penisola sorrentina : lei è Rosalba Veniero, che oggi si trova per motivi di lavoro ad assistere ai Mondiali di calcio a Doha.

Ogni sera siamo abituati ormai da circa due settimane ad assistere al clima di gran fermento che caratterizza il Suq della capitale qatariota, laddove si incrociano le storie e i colori di supporters delle varie Nazionali che ogni giorno offrono spettacolo, in campo e fuori dal campo. Ma è anche a bordo delle navi da crociera che, come nel caso della nostra Rosalba, si continua a respirare questa atmosfera di continua festa che è tipica dei Mondiali di calcio, ovunque essi si giochino.

Sentiamo quindi cosa Rosalba ha da raccontarci fra il suo lavoro a bordo di Msc Crociere e le partite vissute fra gli stadi di Qatar 2022…

Buongiorno Rosalba, grazie per questa intervista. Vuoi raccontarci brevemente com’è nata questa tua esperienza ai Mondiali in Qatar e come la stai vivendo?

Buongiorno Francesco, grazie a te per avermelo chiesto! Esattamente un anno fa, ho deciso di cambiare compagnia e da Costa Crociere sono passata ad Msc. Quando ho fatto l’audizione ero a Doha e loro da subito mi hanno proposto dopo un primo contratto su Virtuosa, l’apertura di Msc World Europa. La nave in questi 40 giorni, é un charter  per lo stato del Qatar, praticamente un albergo galleggiante, insieme ad altre due navi Msc. E quindi, eccomi qui, ai mondiali di calcio 2022. Ovviamente sto provando a vivere il tutto come se fossi qui appositamente per questo, sono andata allo stadio, ho cantata i cori, ho comprato le magliette di varie squadre e qualche bandiera. Insomma, pur non essendo una grandissima appassionata di calcio, sto provando a vivere il tutto come una vera tifosa. Indubbiamente se l’Italia avesse partecipato tutto sarebbe stato distinto…

Che tipo di lavoro stai svolgendo a bordo della MSC World Europa ?

Lavoro per una delle agenzie che si occupa di intrattenimento, e sono la cantante del teatro e la production coordinator del mio cast. Praticamente di sera mi esibisco e di giorno mi occupo di 30 persone. È un lavoro che ti regala tante emozioni, oltre alla possibilità di fare ciò che ti piace, ti dà anche la chance di girare per il mondo e conoscere innumerevoli culture.

La tua vita artistica è frutto del tuo innato talento, già emerso in età adolescenziale. Che ricordi hai di quel periodo?

Sono stata molto fortunata, perché i miei genitori hanno sempre creduto in me, dandomi la possibilità sin da piccola di coltivare il mio talento. Quando ero molto piccola prendevo lezioni, poi a 11 anni, sono entrata al Coro delle Voci bianche del San Carlo. E in quel momento ho capito che forse avrei potuto, fare del mio talento un lavoro, ma il teatro lirico non mi sembrava la scelta migliore. Così a 15 anni, ho iniziato un percorso nel Musical Theatre. E grazie ad Academy Musical e Danza, ho gettato le fondamenta per quella che é ora la mia carriera. Ho un ricordo bellissimo di tutto quello che sono riuscita a vivere, i saggi, i concorsi, le infinite ore di prove. Tutto questo mi ha plasmato, preparato ad intraprendere poi un percorso di studi professionale a Bologna, e aiutato poi a non avere problemi in qualsiasi lavoro a seguire. Senza Academy, non penso che avrei capito esattamente cosa volevo davvero fare, per questo mi reputo più che fortunata e sempre grata.

Torniamo al Qatar. Che atmosfera si respira a Doha ?

La città é strabiliante, quello che hanno costruito attorno ai mondiali é spaventoso. Oltre agli stadi, hanno creato innumerevoli “boulevard”, passeggiate per i turisti, con statue, luci, musica. Sembra di essere perennemente ad un’esposizione! Incredibile! Inoltre é fantastico incontrare persone da tutto il mondo, per strada si ascoltano tantissime lingue diverse e se indossi la maglietta di una nazionale, spesso ti intonano cori o magari chiedono una foto.

C’è qualche tifoseria che ti ha fino ad ora colpita più delle altre ?

Sicuramente Giappone e Marocco. I giapponesi hanno mostrato al mondo di essere sempre un passo avanti. Mentre per quanto riguarda il Marocco, la loro reazione alla vittoria contro la Spagna é stata fantastica. La sorpresa e la meraviglia, credo che rimarranno impressi nei ricordi di qualsiasi tifoso!

Una volta finito il Mondiale in Qatar, cosa farai ?

Finalmente partiremo con la prima vera crociera di questa meravigliosa nave. Per il momento, abbiamo al massimo 4500 passeggeri, che però sono qui prettamente per i mondiali, quindi il teatro è pieno solo quando non ci sono le partite. Invece poi, avremo più di 6 mila passeggeri, e inizieremo davvero a lavorare con 3 shows al giorno e la routine di tutto quello che comporta lavorare a bordo. Onestamente? Non vedo l’ora!

Chiudiamo col calcio. Quale Nazionale preferisci e quale speri (o credi) che possa vincere il titolo mondiale 2022 ?

Sinceramente favorisco il Brasile, la tifoseria è pazzesca, quando guardi una partita con dei brasiliani, la sensazione è quella di essere a casa in Italia. Ti fanno sentire parte del gruppo! E poi stanno davvero giocando bene, le possibilità ci sono tutte!

Inoltre ho una lieve preferenza anche per l’Inghilterra, essendo tutto il giorno insieme a due ballerine inglesi, infatti, siamo andate a vedere Inghilterra – Galles ed è stato pazzesco. L’Inghilterra ha vinto 3 a 0, e hanno giocato davvero bene! Se per caso, si dovesse disputare Inghilterra – Brasile , penso che potrei divertirmi molto!

Grazie Rosalba e buon Natale. Tanti auguri ed in bocca al lupo per tutto!!!

Grazie a te Francesco e buon Natale a te e tutti i vostri lettori!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

3 × uno =