Vico Equense, riapre il cinema Aequa

Mercoledì 5 ottobre alle 20.30 la proiezione del film “Quel posto nel tempo” di Giuseppe Alessio Nuzzo.

0
176

Nonostante l’emorragia di spettatori in sala, c’è ancora chi crede e investe nella cultura. Dal 5 ottobre i cittadini della Penisola Sorrentina, e in particolare quelli di Vico Equense, potranno tornare al cinema grazie alla riapertura dell’Aequa, chiuso oramai da oltre trent’anni.

Tutto grazie alla volontà di un gruppo di imprenditori, capitanati dalla famiglia Verde, dall’Associazione Teatro Mio e dal Social World Film Festival nella persona del patron Giuseppe Alessio Nuzzo, che ha rinnovato quei locali con 234 poltrone di ultima generazione, schermo panoramico, audio dolby surround 7.1.

A fare da “padrino” al cinema fu Toni Servillo che, in occasione del Social World Film Festival, svelò a luglio l’insegna in via Gaetano Filangjeri alla presenza del sindaco della città Giuseppe Aiello.

Dopo il taglio del nastro, per festeggiare l’evento verrà proiettato alle 20.30 il film “Quel posto nel tempo”, diretto da Giuseppe Alessio Nuzzo con protagonista Leo Gullotta affiancato da Giovanna ReiBeatrice Arnera, Erasmo GensiniTina Femiano, con la partecipazione di Gigi Savoia e con l’attore americano Tomas Arana.

Il film, scritto dallo stesso Nuzzo con Eitan Pitigliani, è prodotto da Eduardo e Giuseppe Angeloni per An.tra.cine., in associazione con Ferone Pietro & C., con il supporto della Regione Campania e Film Commission Regione Campania, e distribuito da Nexo Digital. 

La pellicola racconta una malattia attraverso la poesia del tempo che passa, dei ricordi che si cancellano e quelli che riemergono, incoerenti e irrazionali. L’Alzheimer. La malattia come metafora di un viaggio, nel tempo e nell’immaginazione del protagonista. Una visione della patologia assolutamente inusuale, poiché pensata sia sulla base cinematografica che scientifica, grazie al supporto del Dipartimento di Neuroscienze dell’Università di Padova.

Un film che diventa un’esperienza, è la malattia a rivelarsi nel corso della narrazione. La storia deriva dallo sviluppo-studio del cortometraggio “Lettere a mia figlia”, vincitore della menzione speciale ai Nastri d’Argento, primo premio al Giffoni Film Festival e di oltre 140 riconoscimenti in tutto il mondo.

“Quel posto nel tempo”, presentato in anteprima il 2 settembre a Venezia in occasione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, è stato girato tra Napoli, Sorrento e Caserta, toccando come location Piazza Plebiscito, la Reggia di Caserta e la Reggia di Portici, grazie anche al supporto dell’Ufficio Cinema del Comune di Napoli,  e vede anche il contributo musicale degli allievi del Conservatorio di Rovigo insieme ad Adriano Aponte, coordinati dai David di Donatello Marco Biscarini e Luca Leprotti, impegnati nella ricerca della malattia sull’aspetto sonoro e musicale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quindici + sedici =