GYTS 2022 – A Sorrento chiusura summit con ….amarena sulla torta

Presente all'ultima giornata del grande evento mondiale sul turismo giovanile Mario Persico dell'Antico Casale Colli di San Pietro con le amarene del progetto Slow Food Comunità. Durante l'incontro l'omaggio ai ministri Dadone e Garavaglia

0
176
Mario Persico e le sue amarene dei Colli di san Pietro

Si sta per chiudere l’esperienza del primo summit globale sul turismo giovanile in penisola sorrentina. Il Global Youth Tourism Summit 2022 volge al termine con l’ultima serata prima della partenza dei giovanissimi delegati accorsi a Sorrento da tutto il mondo.

L’arrivo in persona dei ministri Fabiana Dadone (Politiche Giovanili) e Massimo Garavaglia (Turismo) è stata la ciliegina sulla torta per la tre giorni di intensi dibattiti e masterclass alle quali hanno assistito i giovani provenienti da Italia e resto del mondo per partecipare al primo summit turistico in terra sorrentina dedicato alle fasce d’età under 20.

Come noto, una buona parte dei panel e dei workshop dell’evento iniziato il 28 giugno scorso è stata dedicata alla gastronomia, intesa quale volano di turismo slow e sostenibile. L’impatto delle nuove forme di turismo a misura di giovani ma soprattutto di ambiente, che sarà oggetto del documento finale prodotto dal summit, si connette ovviamente ad un turismo enogastronomico fatto di prodotti a km zero.

E’ il caso appunto di alcune eccellenze locali che Slow Food da tempo promuove nella sua attività associativa. Dalla condotta sorrentina ecco dunque l’arrivo in chiusura di evento degli esponenti della chiocciola che portano avanti non solo la battaglia per il presidio della noce di Sorrento, ma di recente anche il nuovissimo progetto Slow Food Comunità – da noi raccontato il mese scorso – attorno all’amarena dei Colli di San Pietro (Arca del Gusto).

Con il produttore di amarene e portavoce del progetto Comunità, Mario Persico, era presente anche la neo eletta fiduciaria della condotta Costiera sorrentina e Capri, Elena De Marco. Il dono di confetture d’amarena e di noci di Sorrento parte del Presidio, con l’assaggio di squisite torte all’amarena e di cannoli alla sorrentina, ha fatto da suggello per un evento che verrà ricordato a lungo dalla comunità costiera e non solo.

Durante la degustazione, i membri di Slow Food hanno quindi esposto ai ministri presenti le particolarità del progetto Comunità, per far sì che anche attorno al cibo a km zero possa nascere una nuova versione di turismo, sostenibile e proiettato al futuro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

1 × 3 =