Il Premio “Ambasciatore del Sorriso 2020″ sarà dedicato a “Pulcinella”

Il prestigioso Premio Internazionale “Ambasciatore del Sorriso” , viene dedicato ogni anno a personalità che hanno dato lustro alla città di Napoli. Questa volta protagonista è la maschera per eccellenza della città partenopea, in corsa per la nomina a Patrimonio Unesco come bene immateriale.

0
158

Il prestigioso Premio Internazionale “Ambasciatore del Sorriso” nato grazie al suo presidente, l’artista Angelo Iannelli, noto con l’appellativo di Ambasciatore del Sorriso per il suo impegno nel sociale, viene dedicato ogni edizione alle personalità che hanno dato lustro alla città di Napoli.

Nelle precedenti edizioni, sono stati ricordati il giovane Ciro Esposito vittima della violenza negli stadi, il cantante Pino Daniele , gli attori Antonio De Curtis in arte Totò , Eduardo De Filippo , Massimo Troisi e al giornalista Luigi Necco.

L’edizione 2020  vuole ricordare la figura simbolo di Napoli “Pulcinella”, la maschera più importante al mondo, avvicinando le tappe per una prossima nomina a Patrimonio Unesco come bene immateriale. Il personaggio è peraltro quello con cui è conosciuto lo stesso fondatore della manifestazione, Angelo Iannelli, che più di tutti è riuscito a renderlo attuale attraverso il sociale .

L’evento si è sempre svolto con grande successo e consensi nel Cortile del Maschio Angioino di Napoli alla presenza di personaggi dell’ Arte, della Cultura del Sociale, della Chiesa e delle Istituzioni. Vista la valenza della manifestazione è sostenuto moralmente da importanti patrocini e viene seguito dai più importanti mass media nazionali e regionali. Durante la cerimonia, saranno premiati i personaggi che hanno dato lustro e donato la propria arte ai meno fortunati.

Nelle precedenti edizioni la kermesse è stata sostenuta da una carovana di patrocini morali, ricordiamo alcuni: La Diocesi di Napoli con il Cardinale sua Eccellenza Crescenzo Sepe , Regione Campania, Comune di Napoli, Unicef, Telethon, Esercito Italiano Forza del Sud , Diplomazia Internazionale Affari Giustizia Sociale O.N.U. Fondazione Città della Scienza, Ordine dei Giornalisti della Campania, Associazione Ciro Vive, Il Simposio delle Muse,” premio Penisola Sorrentina” I.C.C. SpA . Senza dimenticare i comuni di Salerno, Sorrento, Piano di Sorrento, Marigliano, Brusciano, Mariglianella, Saviano, Striano, Visciano, San Giorgio a Cremano, Scisciano, Camposano, Cercola e Sant’Anastasia.

Tanti i personaggi illustri che sono stati premiati nelle precedenti edizioni , ricordiamo qualcuno  Cardinale Crescenzo Sepe, Don Mauizio Patriciello, Don Aniello Manganiello, Don Luigi Merola, Don Tonino Palmese, Luigi De Magistris, Nino Daniele, Giandomenico Lepore, Maurizio De Giovanni, Patrizio Oliva, Nicola Graziano, Cosimo Alberti, Gennaro Iezzo ,Gianni Improta, Antonio Onorato, Luca Abete, Gigi Savoia, Angelo Pisani, Lino Vairetti degli Osana, Enzo Fischietti, Salvatore Misticone, Francesco Albanese, Peppe Iodice, di Made In Sud, Domenico Falco ,Antonello Perillo, Rino Cesarano, Franco Ricciardi, Ivan Granatino, Giacomo Rizzo, Francesco Paoloantonio, Angelo Di Gennaro, Antonio Giordano, Patrizio Rispo, Marco Zurzolo, Gianfranco Gallo, Gino Rivieccio, Mario Maglione, Monica Sarnelli, Alessandro Incerto, Elena Anticoli De Curtis, Marco Perillo, Gianni Parisi, Corrado Ferlaino, Lucia Cassini, Antonella Leardi, Margherita Dini Ciacci, Marzia Roncacci, Ida Rendano , Antonio Buonomo,Enzo Campagnoli, I Foja , la Maschera, Pietro Parisi , Ettore Di Lorenzo, Alessandra Necco,Loredana Daniele, Anna Capasso , Diego Paura , La Fanfara 8 Reggimento Forze del Sud , i Generali di Brigata Diodato Abagnara e Carmine Sepe , Ciro Poppella e tantissimi altri . Presidente onorario del premio e l’icona delle tradizioni popolari è Marcello Colasurdo. Il Premio è stato da sempre organizzato dall’Associazione Vesuvius in collaborazione con il Comune di Napoli Assessorato Cultura e Turismo . Come tradizione il grande evento si terrà nel mese di Settembre. Il prestigioso riconoscimento è realizzato dagli artisti Marco Ferrigno e Domenico Sepe.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

tre × due =