Matera 2019 verso l’epilogo. Pesaro-Urbino presenta la candidatura per il 2033

Musica e cultura all'insegna di Rossini, alla vigilia dell'anno di Raffaello 2020. Matera chiude in bellezza, con interventi istituzionali e la musica degli Afterhours

0
139
Immagine di repertorio

Un ponte di vari anni, quello lanciato nei giorni scorsi in occasione degli eventi di chiusura di Matera Capitale Europea della Cultura 2019. Dalla città lucana il là alla futura candidatura della provincia Pesaro-Urbino (rispettivamente patria del musicista Rossini e dell’artista rinascimentale Raffaello Sanzio). Di Raffaello stesso, non a caso, ricorre nel 2020 il 500° anniversario della morte, appena un anno dopo il grande Leonardo Da Vinci. La città marchigiana attende dunque l’intenso anno di eventi legati al pittore, umanista ed artista vissuto fra la Corte dei principi Montefeltro e la Roma papale. 

Giovedì 19 dicembre scorso, alla vigilia della cerimonia di chiusura del suo anno da Capitale Europea della Cultura 2019, Matera ha ospitato la presentazione del percorso di candidatura del territorio provinciale di Pesaro e Urbino al titolo di Capitale Europea della Cultura per il 2033. Presso Casa Cava è stato presentato il logo della candidatura fresco di creazione, progettato da ISIA Urbino, Istituto Superiore per le Industrie Artistiche, la più importante istituzione pubblica di livello universitario per l’insegnamento del design, della comunicazione e della progettazione grafica ed editoriale. Presenti il presidente della Provincia Giuseppe Paolini con Matteo Ricci e Maurizio Gambini sindaci delle città co-capoluogo Pesaro e Urbino.

L’iniziativa è l’occasione per offrire al pubblico un assaggio delle tante eccellenze culturali del territorio. Dopo la presentazione del logo, ecco in scena “Il barbiere di Siviglia smart” a cura dell’Orchestra Sinfonica Rossini con i cantanti dell’Accademia Rossiniana ‘Alberto Zedda’ del Rossini Opera Festival. L’evento si chiuderà con un momento conviviale che accenderà i riflettori sui tre prodotti DOP della provincia – la casciotta di Urbino, l’olio extra vergine di oliva di Cartoceto, il prosciutto di Carpegna – e del tartufo di Acqualagna. Ingresso con Passaporto per Matera 2019 e prenotazione su MateraEvents o presso l’Infopoint. L’evento sarà preceduto, alle ore 18:00, da un Concerto dal balcone in piazza Vittorio Veneto tenuto dagli interpreti del Barbiere smart, accompagnati al pianoforte da Donatella Dorsi.

“Il barbiere di Siviglia smart” è un progetto predisposto dall’Orchestra Sinfonica G. Rossini per le celebrazioni del 150° anniversario della morte di Gioachino Rossini (1868-2018), protagonista assoluto della musica di tutti i tempi. L’opera di Rossini che maggiormente è stata eseguita e non è mai uscita dal repertorio, fin dal suo tempestoso debutto avvenuto nel 1816, è Il barbiere di Siviglia; un’opera che contiene arie, duetti e pezzi d’insieme di grande valore, assoluta genialità e grande notorietà. Proposto in una versione agile e accattivante, con un’ampia selezione dell’opera e la presenza dei personaggi principali, lo spettacolo è concentrato nella durata di circa 75 minuti fra i numeri musicali e la lettura dei testi di raccordo fra un brano e l’altro; il risultato è un ritmo serrato in un continuo crescendo rossiniano. Il progetto ha riscosso, e continua a riscuotere anche ora, un grande successo, ogni volta che viene ospitato in importanti istituzioni concertistiche in Italia e nel mondo.

Il giorno seguente, è la volta degli interventi istituzionali per la cerimonia di chiusura di Matera Capitale Europea della Cultura 2019. Il 20 dicembre alla Cava del Sole il Presidente della Fondazione Matera Basilicata 2019, Salvatore Adduce ed il Sindaco di Matera, Raffaello de Ruggieri, assieme al Presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi, hanno accolto la rappresentanza governativa nazionale guidata dal Ministro per i Beni e le Attività Culturali e il Turismo, Dario Franceschini e dal Ministro per il Sud e la Coesione Territoriale, Giuseppe Provenzano. A rappresentare invece le Capitali Europee della cultura 2020 Nikola Ivaniš, per la futura Capitale 2020 Rijeka, in Croazia, unito a Deputy Mayor e Patricia Philbin, CEO Galway 2020 (Irlanda). Chiusura a cura del Presidente del Parlamento Europeo, David Sassoli.

(Fonte: comunicato stampa ufficiale Matera 2019 https://www.matera-basilicata2019.it/it/area-stampa/comunicati-stampa/comunicati-stampa-istituzionali.html ) 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

19 + 6 =