Trofeo Luigi Dell’Amura, avvio in grande stile per Pizza a Vico 2019

A Castello Giusso la presentazione dei forni di quest'anno. Spazio alle novità: trofeo Dell'Amura e trenino dei Casali

0
113
Immagine a cura di BC Communication (ufficio stampa Trofeo Dell'Amura)

Sarà un concorso dedicato alla pizza a metro ad animare “Pizza a Vico” nelle mattinate dell’8 e 9 aprile. Un trofeo dedicato a Luigi Dell’Amura, noto come Gigino pizza a metro, fondatore dello storico locale di via Nicotera, oggi riconosciuto come “Università della pizza” e diretto da Giovanni Rivieccio.

Il contest, promosso dall’associazione Pizzaiuoli napoletani presieduta da Sergio Miccù, d’intesa con l’associazione pizzaioli vicani guidata da Michele Cuomo, è stato favorevolmente accolto dall’amministrazione comunale. Il sindaco di Vico, Andrea Buonocore, ha infatti commentato: “Pizza a metro è Vico Equense e Vico Equense è pizza a metro poiché questa tipologia di impasto è divenuta simbolo della nostra città”. La gara che sarà presentata dalla voce della pizza napoletana, Enzo Calabrese, si svolgerà nel Piazzale Giancarlo Siani e sarà articolata in due sessioni: la prima (lunedì 8 aprile) dedicata alla pizza a metro classica e la seconda (martedì 9 aprile) riservata alla pizza a metro creativa (con ingredienti a scelta del pizzaiolo).

A coordinare le operazioni dal punto di vista tecnico sarà il maestro pizzaiolo Raimondo Cinque, esperto di impasti a metro che, in qualità di capo brigata dell’Università della Pizza spiega: “La pizza a metro si differenzia per tanti aspetti dalla pizza napoletana, a partire dall’ordine con il quale gli ingredienti vengono posti sulla pizza. Si inizia con la mozzarella, alla quale segue il resto del condimento. Anche i tempi di cottura differiscono in base alla grandezza della pizza, così come la temperatura del forno, che per la pizza a metro è tra i 350/400°C, diversa rispetto a quella prevista per la cottura della pizza napoletana intorno ai 450°C.”

La sfida vedrà i concorrenti impegnati sia sul fronte degli impasti, sia su quello della preparazione che della cottura.Gli ingredienti da utilizzare nella categoria classica sono: fior di latte dei Monti Lattari, pomodoro San Marzano schiacciato a mano, basilico, strutto (come condimento in sostituzione dell’olio extra vergine di oliva), parmigiano grattugiato. Per la Pizza a Metro creativa, invece, sarà di fondamentale importanza l’abbinamento degli ingredienti (a scelta libera). La stesura dell’impasto potrà avvenire a mano oppure con l’ausilio di attrezzi da cucina (mattarello). La dimensione della pizza dovrà essere di 30centimetri di larghezza per 1 metro di lunghezza con una tolleranza del 10%. Importante sarà anche l’altezza dell’impasto che dovrà essere di 1,50centimetriad esclusione del cornicione.

“I primi tre classificati di entrambe le gare – ha spiegato Sergio Miccù – accederanno al Campionato Mondiale del Pizzaiuolo nella nuova categoria Pizza in pala/metro. L’ambita competizione si svolgerà presso la Rotonda Diaz di Napoli a settembre. A tutti i partecipanti al contest vicano, verranno rilasciati un attestato di partecipazione e una divisa.

Ad iniziativa del Comune di Vico Equense, le pizze oggetto del contest, saranno offerte alle persone con disabilità delle strutture di Vico Equense e dell’intera Penisola Sorrentina.

“Quella di Pizza a Metro – commenta Giovanni Rivieccio, direttore di Pizza a Metro – è una storia che inizia 50 anni fa, in un contesto economico molto diverso da quello che viviamo oggi, tempi in cui la pizza si acquistava in centimetri. Gigino si è lanciato pioneristicamente in questa impresa e il tempo gli ha dato ragione visto che siamo nel cinquantesimo anno di attività. Siamo passati da due/tre varietà di pizza a cinquantaquattro soluzioni diverse. Ad oggi, anche dopo l’ottimo riscontro di immagine, a seguito della cena con 50 chef stellati, capitanati da Antonino Cannavacciuolo e Gennaro Esposito, siamo stati contattati da tanti pizzaioli francesi, tedeschi, americani che vogliono imparare a realizzare la pizza a metro”.

Soddisfazione è stata espressa dal presidente dell’Associazione pizzaioli vicani Michele Cuomo: “Conferire un premio intitolato a Luigi Dell’Amura durante la quarta Edizione di Pizza a Vico ha un significato simbolico importante, sancisce e rappresenta il connubio indissolubile tra Vico Equense ed il suo cittadino, Luigi Dell’Amura”.

Ad essere orgogliosi dell’istituzione di un premio dedicato alla memoria di Luigi dell’Amura è stata l’intera famiglia, attualmente è titolare de brand.

Il trofeo si inserisce, infatti, nei festeggiamenti del 50esimo anniversario di pizza a Metro, nell’ambito dei quali, alla presenza del sindaco Buonocore era già stata installata una statua alla memoria di Luigi dell’Amura, nel piazzale antistante il locale di via Nicotera.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

11 + 15 =