La Giornata mondiale del pizzaiolo: le iniziative all’ombra del Vesuvio

Iniziative in tutto il mondo per celebrare l'arte del pizzaiolo, all'ombra del Vesuvio prezzi speciali in alcune pizzerie aderenti

0
1300

Sant’Antonio Abate , 17 gennaio. La ricorrenza del Santo protettore degli animali, quello che comunemente l’iconografia cristiano cattolica raffigura come il santo col porcellino in mano. Un modo per distinguerlo dal cugino Sant’Antonio da Padova, 13 giugno. Ma anche un modo per ricordarne la vocazione. Dagli animali al cibo, quindi all’alimento base della dieta mediterranea assieme alla pasta : la pizza. Fresca di attribuzione Unesco quale arte patrimonio dell’umanità.

La Giornata mondiale del pizzaiolo intende celebrare nel mondo l’arte della pizza e l’antichissimo mestiere che da Napoli è stato esportato addirittura oltre Oceano. Oggi 17 gennaio 2018, a poco più di un mese dalla notizia rimbalzata dalle sedi Unesco in cui la commissione era riunita per valutare la candidatura dei pizzaioli napoletani, torna protagonista la pizza e le sue interpretazioni. Dalla margherita classica alla marinara, o napoletana verace, fino ai gusti speciali offerti a prezzo modico in alcune pizzerie aderenti. Val la pena di ricordarne una, fra le tante iniziative in corso, indetta nell’area vesuviana con prezzi ribassati per la pizza al piatto gusto margherita e marinara (a 2 euro), o speciale (a 4 euro). Di seguito i locali alle pendici del Vesuvio in cui nell’intera giornata di oggi è possibile mangiare la pizza ai prezzi indicati (come riportato anche dal sito ufficiale dell’evento al link www.magraf-web.it ).

Piccola parentesi, di cui vado fiero. In uno dei locali elencati nella locandina ufficiale, ho avuto il piacere di provare – circa un anno fa – un’ottima margherita assortita con bocconcini di mozzarella campana (foto copertina – ndr). Una vera prelibatezza, che senza fare un torto alle altre pizzerie di cui sopra, viene servita in un luogo al confine fra i comuni di Portici e San Giorgio a Cremano (NA). Laddove a pochi passi, inoltre, sorge il famoso Museo nazionale ferroviario di Pietrarsa, all’interno della stazione F.S. omonima. Un museo affacciato sul golfo di Napoli e nel mezzo della storica ferrovia Napoli-Portici, risalente al Regno delle Due Sicilie. Insomma, un luogo carico di fascino e di sapori antichi.

Andateci. Soprattutto oggi che… conviene!!!

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

7 + 10 =